Suggerimenti tecnici

Perché le batterie si rompono dopo l'inverno?

Winter

Siete pronti a usare di nuovo la barca o il camper dopo l'inverno? O è ancora a terra o in deposito o la barca è ancora in acqua?
Allora le batterie del vostro veicolo o della vostra barca hanno bisogno di un'attenzione extra. Per garantire che le batterie possano essere nuovamente utilizzate, è essenziale una corretta manutenzione della batteria.

Manutenzione della batteria

A volte il nome di batteria senza manutenzione dà un’idea diversa al proprietario di ciò che effettivamente si intende. Sì, senza manutenzione nel senso che le batterie non hanno bisogno di essere riempite con acqua. Le batterie hanno bisogno di rimanere cariche di sicuro. Spesso questo non è il caso.

Le batterie non durano una vita

La maggior parte delle batterie non raggiunge la durata prevista. Questo a volte è perché le batterie sono di qualità inferiore, ma soprattutto perché le batterie sono state abusate.

Potete trovare la causa più comune del mancato raggiungimento della vita utile qui.

Se la batteria è vuota, l’elettrolito (la sostanza liquida o gel) può congelare già di qualche grado sotto lo zero, il che può causare danni alla batteria. Le batterie completamente cariche possono sopportare un congelamento molto estremo, dove 20 gradi sotto zero non sono affatto un problema!

A proposito, l’autoscarica naturalmente sempre presente è più veloce alle alte temperature che alle basse temperature. Tuttavia, è necessario mantenere le batterie sempre in uno stato di carica. Naturalmente è possibile scaricarle fino a una certa percentuale che dipende dal tipo di batteria. A seconda della tecnologia applicata, come le batterie aperte o chiuse a umido, ma anche le batterie Gel o AGM e al litio, queste versioni hanno tutte valori diversi. Questo valore è anche chiamato DoD che sta per Depth of Discharge (profondità di scarica). Questo significa fino a che punto posso scaricare le batterie senza danneggiarle eccessivamente. Di solito è tra il 50 e l’80% della capacità. Quindi fai molta attenzione a ciò che è applicabile alla tua batteria, se non lo fai può portare ad una durata di vita più breve.

L’uso di un caricabatterie adeguato assicura una carica veloce e sicura ma soprattutto una carica completa della vostra batteria fino al 100%. Questi caricabatterie sono anche chiamati caricabatterie intelligenti o intelligenti.  Un caricabatterie di questo tipo può essere collegato alla batteria con un cavo del diametro giusto e un fusibile vicino alla batteria. Una volta acceso, questo sistema assicura una tensione di carica ottimale e sicura, a tutto vantaggio della vita della batteria.

Se hai già un caricabatterie intelligente, devi solo assicurarti che il caricabatterie sia acceso. Naturalmente si raccomanda di scollegare l’altra rete da 12V o 24V. Questo ha il vantaggio che il vicino che ha appena preso in prestito la corrente e ha dimenticato di rimettere la spina non può danneggiare il set di batterie perché le piccole utenze prosciugano completamente la batteria. Vediamo regolarmente che una piccola utenza rimane accesa e prende tutta l’energia dalla batteria fino a quando è completamente vuota. Succede anche che la combinazione caricabatterie/inverter passi alla modalità inverter in caso di mancanza di rete e quindi prosciughi completamente le vostre batterie fino a svuotarle completamente. I combi WhisperPower sono equipaggiati di serie con l’interruttore Solo caricabatterie. Questa funzione assicura che solo la parte del caricabatterie funzioni con la corrente di rete. Se la connessione a terra viene a mancare, l’inverter non si accende. Quindi è importante attivare questa funzione durante i lunghi periodi di assenza.

Cosa succede alla batteria quando è completamente scarica?

Se la batteria è completamente o in gran parte scarica, la batteria si solfata a causa della scarica profonda. Quando la batteria si scarica, si forma il solfato di piombo che sviluppa una struttura cristallina molto dura e si deposita sulle piastre della batteria. Di conseguenza, i cristalli e la parte sulla piastra della batteria dove questo è attaccato non possono più partecipare al processo di conversione quando si carica e si scarica la batteria. In altre parole, c’è una perdita di capacità.

Questo è sempre il risultato di una scarica troppo profonda e sappiamo che spesso accade inconsapevolmente. Eppure è necessario impedirlo in ogni momento. La scarica è consentita, anche se non più in basso del DoD, ma poi caricare immediatamente in modo corretto e fino al 100% pieno. Se la carbonizzazione avviene solo dopo un lungo periodo di inattività, se ne notano le conseguenze. Poiché la struttura del cristallo è sulle piastre e protegge parti delle piastre, c’è meno superficie attiva disponibile sulle piastre e c’è materiale attivo nel cristallo che riduce la capacità della batteria. Questo farà sì che la corrente di carica fluisca su una superficie limitata delle piastre. Di conseguenza, la corrente sarà più alta del normale in quei punti e la piastra della batteria si riscalderà in quella zona. Anche l’acido della batteria si scalderà e reagirà più violentemente. Di solito il piombo cade dalle piastre e questo a sua volta si traduce in una cella accorciata. Quando questo avviene, la vita della batteria è finita. Un’altra conseguenza può essere che la batteria si surriscalda e diventa gassosa se il caricatore non è dotato di un sensore di temperatura vicino alle batterie. In questo caso, la tensione di carica sarà troppo alta, causando il gas della batteria con tutte le brutte conseguenze (la batteria si strappa o può anche esplodere). È anche possibile che la capacità della batteria sia diventata così bassa che la batteria non è più utilizzabile. Il che significa fine vita.

Scaricare troppo la batteria e lasciarla scarica per alcuni giorni provoca la solfatazione. Questo succede sia con le batterie vecchie e certamente anche con quelle nuove. Come diretta conseguenza di ciò, si perde capacità e in caso di scarica prolungata questo può portare alla rottura della batteria. Questo può essere visto di solito quando la tensione della batteria è bassa (a causa della chiusura delle celle, o quando la batteria è a riposo, o la batteria si scalda durante la carica. Si può anche notare che non c'è più capacità disponibile.

Questo non ha niente a che fare con la qualità della batteria! Ma ha a che fare con il modo in cui la batteria viene trattata. O meglio, non trattata correttamente (bene).

Bart van den Bosch

Consigli per l'inverno o non usare per un periodo di tempo più lungo

Per coloro che vogliono evitare completamente questo rischio, c’è poco altro da fare che caricare completamente le batterie e poi scollegarle completamente dall’impianto. Si consiglia di accendere il caricatore almeno una volta in inverno dopo circa 2 o 3 mesi per ricaricare le batterie autoscaricate. Non è consigliabile portare la batteria a casa e metterla al caldo. L’aumento della temperatura accorcia la vita del pacco batterie fuori il rischio di danni durante il trasporto.

Se avete un buon caricabatterie, è dotato di una cosiddetta modalità di carica di mantenimento o di mantenimento a più stadi. Questo naturalmente va bene da usare in inverno anche se il caricabatterie è acceso per molto tempo. La scelta dipende dal tipo di batteria e dalla sua capacità.

Noi di Whisper Power saremo lieti di consigliarvi le batterie giuste in combinazione con il caricabatterie giusto.

TIPS: End of the season

  • Caricare completamente la batteria. E mantenetela carica durante l'inverno. Prendete delle precauzioni per evitare che la batteria si scarichi.
  • Evitare di sovraccaricare utilizzando un'attrezzatura di ricarica errata, in quanto ciò danneggerebbe il set di batterie.
  • Scollegare il set di batterie. Pulire accuratamente i terminali e i morsetti, se necessario.
  • Un'eccessiva cristallizzazione può indicare una perdita di elettrolito a causa di crepe ai morsetti, sovraccarico o corrosione galvanica.
  • Controllate i collegamenti dei cavi e correggete immediatamente eventuali guasti.
  • Quando si controllano e si scollegano i terminali della batteria e/o i cavi, proteggere l'attrezzo dal contatto con entrambi i terminali della batteria.
  • Per le batterie tradizionali "umide", controllare il livello dell'elettrolito e rabboccare le celle con acqua demineralizzata, se necessario.
  • Le batterie chiuse non richiedono manutenzione per quanto riguarda l'elettrolito. Tuttavia, devono essere caricate correttamente e completamente e rimanere in uno stato di carica.
  • Utilizzare un caricabatterie adeguato con una carica di mantenimento fare riferimento alla documentazione della batteria per la potenza necessaria e le impostazioni corrette.
  • Caricare le batterie a umido preferibilmente ogni mese e per le batterie al gel e AGM questo può essere una volta ogni 3 mesi. Raccomandiamo lo stesso per le batterie al litio.
  • Le batterie agli ioni di litio possono essere conservate con una carica del 60-70% per mezzo anno senza che ci si accorga di nulla. In un prossimo consiglio darò maggiori informazioni sul trattamento di una batteria al litio.

TIPS: Beginning of the season

  • Controllare che la batteria sia saldamente al suo posto e fissata.
  • Collegare i terminali della batteria, utilizzare un tipo con coperture.
  • Stringere correttamente i terminali per una connessione elettrica ottimale.
  • Stringere i terminali troppo forte può danneggiare i terminali della batteria o staccarsi dall'alloggiamento, con conseguente perdita di elettrolito.
  • Consultare la documentazione della batteria per il momento corretto (espresso in N.m = newtonmetro).
  • Rivestire i terminali e i poli con un sottile strato di vaselina senza acido e chiudere i tappi.
  • Caricare il set di batterie e controllare la tensione e la corrente di carica e controllare se il caricabatterie ha un sensore di temperatura ed è montato sopra o vicino alla batteria.
  • Controllare le impostazioni di qualsiasi monitor della batteria collegato.